Home / Blog / Dropbox, facilità nel gestire e condividere i file tramite web

CONDIVIDI

Dropbox, facilità nel gestire e condividere i file tramite web

, 18 ottobre 2010 | TAG:

Dropbox Per molti di voi questo servizio non sarà nuovo, Dropbox infatti esiste da anni, è conosciuto specialmente tra i professionisti, e nel mondo Mac. Di recente il team di Dropbox ha rinnovato il servizio offrendo nuove funzioni, e lo hanno potenziato con più spazio web. Da notare che hanno introdotto anche gli applicativi per mobile (IPhone, Android, Blackberry), le novità le potete leggere nel loro blog ufficiale: http://blog.dropbox.com

Ma che cos'è Dropbox, e a cosa serve?

Si tratta di un utile servizio web: creando un account si ottengono inizialmente 2 GB gratuiti di spazio online. Installando il loro software si crea poi nel proprio sistema operativo una cartella speciale in continua sincroniacon il server Dropbox. Questo spazio è espandibile sia gratuitamente (dettagli in seguito) che a pagamento. Con l'account Dropbox si possono fare varie cose:

  1. Sincronizzare i file tra varie postazioni, anche con OS diverso (Mac, Windows, Linux) e dispositivi mobili. Si ha in questo modo la possibilità di mantenere sempre i file aggiornati anche quando controlliamo varie macchine.
  2. Avere ovunque i nostri file. Se per esempio siamo sul pc di un cliente e ci servono dei file: basta un browser ed internet. Entriamo nel nostro account e ritroviamo tutto l'occorrente come fossimo alla nostra postazione. Possiamo verificare tutti i materiali che abbiamo, ed anche caricare un file via browser, al ritorno lo ritroveremo sincronizzato in postazione di lavoro.
  3. Fare backup automatico e istantaneo, i file dentro la cartella dropbox si continuano a replicare e aggiornare automaticamente col server online, i file pesanti si caricano in background. Per ogni file modificato si crea una versione, e potete farne il restore in qualsiasi momento. Poi se si guasta il vostro disco avete i file salvati nel server Dropbox, è quindi una soluzione alternativa anche all'uso di dischi esterni.
  4. Condividere cartelle via internet con i colleghi non presenti in LAN (se si fanno un account anche loro). Questo è utile se c'è una collaborazione continuativa,  invece di scambiarsi i file via email ci si accorda di usare una cartella condivisa dropbox, come fossimo in un server locale.
  5. Evitare di inviare file pesanti via email. La cartella "public" assegna ad ogni file un link http, quindi per inviare qualcosa basta comunicare quel link senza ricorrere a pesanti allegati, non sappiamo mai se ci sono limiti nelle caselle di posta, e cmq è bene non intasarle. Lo stesso vale per la cartella "photoes", ogni cartella di foto contenuta all'interno diventa una galleria fotografica (sfogliabile nel web con zoom), e la possibilità di download del file originale.

Aggiungo che Dropbox parte da 2 GB free, ma propone un sistema di referenze: se convinci amici e conoscenti a farsi un account e installare il programma, Dropbox regala ad entrambi +250 MB (fino a un massimo di +8 GB). La mia referenza è questa: http://www.dropbox.com/referrals/NTEyOTI4NzgzOQ Quindi se  trovi interessante questa recensione, e vuoi farti un account usa la mia referenza, e ricordati di installare anche il software per ottenere il credito. Così facendo guadagnamo insieme subito +250 MB!

CONDIVIDI

Ti potrebbero interessare anche...

WhatsApp per le aziende: oltre il social media marketing
Alcuni consigli su come utilizzare WhatsApp nelle strategie di marketing aziendale

14 ottobre 2016
Bizen, il mio reparto digital marketing: il caso Aldo Bernardi
Il nostro percorso di digital marketing insieme ad Aldo Bernardi, l'azienda che da oltre quarant'anni illumina con stile, ricercando nuovi materiali per creare originali manifestazioni di luce.

03 ottobre 2016
Come integrare i social media con i media tradizionali?
Per integrare efficacemente i nuovi social media con le campagne di pubblicità tradizionali, il direct marketing e le pubblic relations, non basta sapere come utilizzare Twitter e Facebook...

11 ottobre 2010